In un nostro precedente articolo (clicca qui per leggerlo https://goo.gl/Nzhtxs) abbiamo iniziato a parlare di un’importantissima “rivoluzione” nella chiamata dei soccorsi nel nostro paese.
In diverse regioni è, infatti, già attivo il numero unico europeo delle emergenze:

Il numero UNO-UNO-DUE

“Ahhhh, il CENTODODICI, quindi”, diranno i più.

NO, il numero da memorizzare nella nostra mente è UNO UNO DUE.

Sembrano uguali come numeri (ed in effetti lo sono) ma nell’emergenza qualsiasi trovata per minimizzare i tempi e ridurre i rischi di fraintendimento dovuti ad una scarsa comunicazione, seppur banale possa apparire, deve essere tentata.

Provate a fare un piccolo sforzo e immaginate di trovarvi in una situazione di emergenza.

Avete bisogno di un’ambulanza, siete impossibilitati a chiamare il numero viste le condizioni in cui vi trovate e scoprite che, vicino a voi, ci sono solo un bambino di 5 anni e uno straniero che non parla molto bene l’italiano.

Ora chiedete loro: “chiama il numero centododici”… nessuno dei due, pur col telefono in mano, riuscirà a comporre il numero giusto.
Provate di nuovo: “chiama il numero UNO UNO DUE” probabilmente andrà molto meglio perché riusciranno a capirvi.

Non credete che questa sia una buona idea o pensate che sia una esagerazione?

Benissimo, allora rispondete a questa domanda:
Se siete in vacanza negli Stati Uniti e avete urgente bisogno di una pattuglia della polizia, di un’ambulanza o dei vigili del fuoco (anche li, da sempre, c’è un numero unico delle emergenze), quale numero dovrete comporre?

Pensateci bene, la risposta la sapete, in centinaia di film e serie TV avete sentito questa frase: “Presto, chiama il….”

Risposta esatta!!!

“Presto, chiama il NOVE UNO UNO”

Non si è mai visto, infatti, in nessun film, l’eroe di turno che, mentre è accucciato dietro un’auto per proteggersi dalle pallottole volanti, dice al passante “presto, chiama il NOVECENTOUNDICI!”

Piccoli dettagli che fanno accrescere la cultura del soccorso, non solo nei luoghi di lavoro.

Torneremo presto a parlare ancora del numero unico delle emergenze che, oramai, abbiamo iniziato a chiamare col suo giusto nome: UNO UNO DUE.